crea la tua selezione+

Archeologia, 1978

In comodato presso
GAM Galleria d'Arte Moderna
Descrizione
ferro
Dimensioni

Dimensione variabile

Numero elementi
1
Categoria
scultura
Credits
© Pino Spagnulo - Courtesy GAM - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, Torino foto di Studio Gonella - Proprietà della Fondazione per l'Arte Moderna e Contemporanea CRT
L'artista

Giuseppe Spagnulo inizia a lavorare nei primi anni Sessanta. Usa la terracotta per creare dialoghi tra forme geometriche e forme corporee, come ad ancorare a leggi volumetriche l’inafferrabilità dell’individuale.Tra il 1965 e il 1966 cambia linguaggio e materia: dalla terracotta al legno. Da motivi di ascendenza figurativa ad uno schietto astrattismo.

Collegno, Spagnulo dice di aver compreso a pieno il problema dello spazio, e questo è un modo di guardare alla scultura da cui il suo lavoro non si è mai più allontanato.

“La forma non nella sua immobilità di qualsiasi possibile statuaria– scrive Spagnulo ma violentatrice dello spazio e possibilitata di qualsiasi complicazione strutturale, ossia essa stessa violentata e disidealizzata.  Non credo in una forma più perfetta di un’altra, ma solo nella quantità di spazio che una forma riesce a mettere in movimento” (La forma non nella sua immobilità, in L. Caramel, 10 scultori italiani d’oggi, Premio Lissone, 1967 in Giuseppe Spagnulo, opere: 1964-1984, Ed. Panini, Modena, 1984). [...]

visita scheda artista
Visualizza la tua selezione
1
Opere selezionate

Se ti interessa avere informazioni più dettagliate sulle opere selezionate, per motivi professionali o di ricerca, scrivici e saremo felici di aiutarti.

scrivici